Una risorsa sociale: I Gruppi di Auto-aiuto per l’elaborazione del lutto. (Luigi Colusso)

«Con lieve cuore, con lievi mani la vita prendere, la vita lasciare.»  (Hugo von Hofmannsthal)

Oggi non si muore come si moriva un tempo, ci sono stati cambiamenti molto importanti nello stile di vita dei singoli e della collettività: la rimozione della presenza pubblica della morte (per esempio i segni esteriori di lutto), la secolarizzazione dello stile di vita, che comprende la sostanziale abolizione dei tempi di isolamento domiciliare», la nuclearizzazione della famiglia con la conseguente riduzione delle risorse affettive e consolatorie disponibili con continuità; questi e altri cambiamenti ancora hanno reso un fenomeno naturale come il lutto e il cordoglio per la morte di un familiare un trauma inatteso, di fronte al quale spesso le persone sono disarmate e prive di risorse; è da qui che nasce la difficoltà di elaborazione del lutto, con conseguenti angosce, depressioni, disturbi psicosomatici, crisi familiari.

LEGGI TUTTO

 

Precedente La perdita di una persona cara.